Il Cavallo

Il Cavallo Il cavallo è un mammifero ungulato di grossa taglia, appartiene al genere Equus, unico della famiglia Equidae. Il cavallo è diventato un animale domestico da circa il quinto millennio A.C., la zona geografica dove sono stati rinvenuti i primi reperti archeologici è l’Asia; il cavallo fa la sua comparsa in Europa due millenni più tardi. Si pensa che la domesticazione dei cavalli si avvenuta da una sottospecie estinta chiamata il tarpan, un progenitore del cavallo vissuto nelle steppe asiatiche; un tipo di cavallo simile ai nostri cavalli da tiro. Il cavallo è un animale molto evoluto, nel senso di molto adatto agli spazi aperti e, perfettamente adatto a muoversi su lungi percorsi anche morfologicamente differenti che ha nei secoli modificato il suo apparato digerente per sopravvivere con quello che incontrava lungo i suoi luoghi abituali. I cavalli si dividono in alcune categorie: ·         In base alla corporatura, (dolicomorfi, mesomorfi e brachimorfi) ·          in base al temperamento (a sangue freddo, mezzo sangue e i cosiddetti puro sangue) ·         Il tipo brachimorfo comprende le "razze pesanti" (cavalli da tiro: shire, vladimir,gispy vanner...) ·         Il tipo dolicomorfo comprende le "razze leggere da sella" ( purosangue inglese, arabo, trottatore) ·         il tipo mesomorfo comprende le "razze da sella" (inglese e americana, quarter  horse,  rottatori, ecc.); Le razze dei cavalli sono molte, e alcune sono estremamente famose, basti pensare a lo Shire:  è un cavallo forte e resistente, può iniziare a lavorare già a tre anni, infatti è definito molto precoce.  Lo Shire può avere diversi colori, da baio a grigio, ma quello più diffuso è il mantello nero; l’altezza è intorno al 1,65 m fino a 1,80 m. Cavalli purosangue: la più conosciuta fra queste razze è il cavallo arabo. Da oltre duemila anni gli arabi selezionano questa razza con estrema cura per ragioni ataviche: il cavallo era un elemento di sopravvivenza, infatti anche la religione islamica vede il cavallo come qualcosa di indispensabile. Il cavallo arabo è molto ricercato in quanto ha delle forme armoniche, è molto resistente ed anche intelligente. Il cavallo arabo è utilizzato per creare nuove razze, infatti è il progenitore del cavallo purosangue inglese. Il purosangue inglese è in assoluto il cavallo più veloce, molto adatto anche alla corsa ad ostacoli; anche il purosangue inglese è usato come miglioratore per altre razze. Un’altra razza di cavalli è l’Andaluso, è derivato direttamente dal cavallo arabo, per via dell’invasione araba nel sud della Spagna. Il cavallo andaluso è stato usato per l’invasione del Sudamerica. Altre razze di cavalli  sono mustang, il quarter horse, l’appaloosa, paint horse etc… La bellezza del cavallo Un cavallo si definisce bello quando è proporzionato, infatti ci sono delle caratteristiche che possono farlo sembrare brutto. Testa grossa: il peso del cavallo grava sulla parte anteriore, quindi una testa grossa grava sull’equilibrio e sull’usura delle zampe anteriori. Narici piccole: il cavallo respira solo attraverso le narici, quindi delle narici troppo piccole potrebbero significare problemi respiratori. Collo corto: il collo del cavallo è usato per bilanciare tutto il corpo, quindi un collo ben fatto è molto importate per l’equilibrio dei cavalli. Reni lunghi: questo conformazione non permette al cavallo di portare carichi pesanti ,e condiziona la sua capacità di spinta. Petto stretto:  limita la capacità respiratoria del cavallo e, comporta la vicinanza degli arti.